Inizia distendendo le gambe a terra di fronte a te (nel caso di una pratica Ashtanga o Vinyasa-style arriva alla posizione con un salto proveniente dalla posizione di Cane a Testa in Giù).

  1. Espira portando la consapevolezza sulla sensazione che il bacino (o meglio gli ischi) cadano a terra;
  1. la successiva inalazione stabilisce una forte connessione interna al canale centrale del corpo (Sushumna o Nadi Sattva) che parte dalla base del pavimento pelvico e raggiunge la sommità del capo;
  1. in un’inspirazione porta le braccia ai lati del corpo. Le mani devono essere in linea con lo psoas spingendo con i polpastrelli a terra;
  1. in un’espirazione piegati in avanti con il busto portando le mani sotto i piedi destro e sinistro allungando la colonna vertebrale. Cerca l’allungamento lungo la spina dorsale. Solleva il ventre portandolo sopra la parte superiore delle cosce per consentire alla pelvi di ruotare passivamente attorno alla testa del femore;
  1. una volta che hai portato le mani sotto i piedi, attiva la posizione muovendoti in avanti e indietro come se fossi un cuore pulsante.  In ogni espirazione cerca di affondare sempre di più nel pavimento pelvico, continuando a tirare indietro gli alluci per favorire l’allungamento della spina dorsale e dei bicipiti femorali (muscoli posteriori della coscia).