Ganesha è il membro più popolare del pantheon delle divinità mitologiche indiane.

E’ rappresentato come un uomo piccolo, panciuto con la pelle gialla, quattro braccia e una testa di elefante con una sola zanna.

Ganesha è il secondo figlio di Shiva e Parvati. Come tutte le divinità indiane è circondato da tutta una serie di miti riguardanti sia la sua creazione che il suo ruolo nell’Universo.

Egli è il Signore degli Ostacoli adorato come “colui che rimuove gli ostacoli”, sebbene in molte storie lo hanno descritto come colui che rimuove gli ostacoli dopo averli creati (un pò birichino….).

La testa di elefante Ganesha simbolizza il suo inarrestabile potere ed il suo ruolo di propiziatore di fortuna, il suo corpo rotondo e la sua pancia prominente simbolicamente rappresentano la prosperità ed il topolino ai piedi rappresenta la saggezza che sorge dalla sublimazione dei desideri egoistici.

Mentre queste qualità potrebbero sembrare in contraddizione l’una con l’altra, Ganesha rappresenta il perfetto equilibrio tra la vita spirituale e quella materiale.

Amorevole, compassionevole e affettuoso Ganesha può diventare spietato quando combatte il male.

Se amato e rispettato esaudisce i desideri e infonde la perseveranza verso il successo.