LA MEDITAZIONE DEL SABATO
Nel weekend abbiamo (di solito) un pò più di tempo per sottrarci alla routine degli impegni della settimana.
Possiamo dedicare qualche minuto alla meditazione, che ci rigenera l’animo e ci riconnette con il nostro più profondo sè. Qui sotto trovi la meditazione del fiore che farai portando lo sguardo su un fiore che hai in casa o sul balcone, oppure che vedi dalla finestra.

namaste
Alberto

LA MEDITAZIONE DEL FIORE.
Il fiore ha molto da insegnarci e lo fa in silenzio, semplicemente mostrandosi senza dare spiegazioni.
Il fiore non è solo. E’ interdipendente. Fa parte della natura.
Con i suoi colori, con la sua freschezza e il suo splendore, attraverso la sua osservazione ci consente di entrare in contatto con le nostre qualità.

Il nostro piccolo maestro ci permette di contemplare la realtà dell’impertinenza nel fiore, che presto appassirà proprio come il nostro corpo impermanente è destinato all’invecchiamento e alla morte.

Avvicinati ad un fiore e senti il suo profumo, osserva i suoi colori.
Poi recita questi pochi versi del monaco Zen Tich Nath Than

Inspirando, so che sto inspirando.
Espirando so che sto espirando.
Inspirando mi vedo come un fiore.
Espirando mi sento fresco.
Inspirando mi vedo come una montagna.
Espirando mi sento solido.
Inspirando mi vedo come uno specchio d’acqua.
Espirando rifletto tutto ciò che è.
Inspirando mi vedo come spazio.
Espirando mi sento libero.