Salute: lo Yoga ci insegna ad essere consapevoli per una vita sana

Yoga e salute sono due argomenti veramente interessanti sui quali riflettere insieme. Presi separatamente rappresentano alcune delle più alte espressioni per l’essere umano. Cosa intendiamo per salute? Le risposte a questa domanda possono essere molte e variare da persona a persona. Per molte persone “essere in salute” significa non ammalarsi troppo spesso oppure non soffrire di alcun disagio fisico.

La maggior parte delle persone si considera sana se il proprio corpo non interferisce in maniera significativa con la loro capacità di vivere e lavorare nella vita di tutti i giorni. Questa definizione però, anche se condivisibile, non si concentra  per nulla sulle capacità superiori del corpo e della vita umana.

Inoltre, definendo l’essere sani come la semplice assenza di disagio e malattia, esiste la possibilità che gli squilibri più profondi per la propria salute possano essere trascurati del tutto.

La pratica dello yoga è davvero l’arte di creare il massimo equilibrio e armonia. La pratica dello yoga consiste nel massimizzare il nostro potenziale come esseri umani. La pratica dello yoga è fondamentalmente sul diventare il meglio che possiamo possedere ad ogni livello (fisico, mentale, emotivo e spirituale).

Quindi come praticanti dello Yoga è per noi importante ridefinire costantemente che cosa significhi essere umani. Per noi è importante guardare sempre più in alto. Le vecchie definizioni e i vecchi concetti devono essere rivisti per creare una nuova e forse più alta definizione. Vivere una vita in sintonia con lo Yoga ci rende costantemente migliori. Attraverso la pratica diventiamo più forti, più flessibili sia nel corpo che nel cuore, sensibili e consapevoli sia dal punto di vista fisico che mentale in maniera sempre più profonda.

Non può bastare per noi definirci “sani” solo perchè il nostro corpo fisico non è afflitto da nessuna patologia in gradi di poter pregiudicare la nostra vita o di metterci fisicamente a disagio. Per noi il concetto di “essere in salute” è cercare costantemente di essere supportati da un livello di salute per evolverci verso il meglio che possiamo essere. Cerchiamo di creare una salubrità che ci mantenga giovani sia dal punto di vista energetico, mentale (chiarezza, memoria e intuizione) e corporeo (con la speranza di vivere una vita lunga e priva di incontri con l’esperienza della malattia).

Salute: per lo Yoga non basta essere sani solo fisicamente

Questo desiderio di vita “sana” ci chiede però di diventare maggiormente consapevoli di noi stessi e dell’ambiente in cui viviamo, prestando grande attenzione alle conseguenze delle nostre azioni e delle nostre espressioni (anche verbali), oltre che dei nostri stati mentali. Questo è il valore della nostra pratica quotidiana.  Molte persone in questa società soffrono di molti mali e squilibri semplicemente perchè non prestano attenzione a sè stessi e al modo in cui i loro pensieri e le loro azioni influenzano loro e quelli che li circondano. Gli stili di vita moderni portano comportano un livello di stress elevatissimo che rendono le persone ancora più insensibili a sè stessi ed al mondo che li circonda.

La pratica Yoga ci dà l’opportunità di invertire in maniera profonda e naturale questa tendenza. Lentamente, ma in maniera costante si diventa più sensibili anche ai livelli più profondi. E così giorno dopo giorno possiamo creare una definizione completamente nuova di ciò che significa essere “sani”. Sperimentiamo nuovi livelli di salute e di vitalità che molte persone non hanno mai immaginato fosse possibile. In questo modo la nuova definizione di salute non comprende solo noi come singoli individui, ma una comunità più ampia.

Questa è per me l’essenza dell’integrazione tra Yoga e salute.